Monthly Archives: November 2014

Gli sciacalli

Gli sciacalli sono animali. Hanno due zampe, si vestono bene, sorridono falsamente e si differenziano dagli altri animali perchè si cibano delle speranze e delle idee altrui, uccidendone la fiducia.

Sinonimo di sciacallo: arrivista, imprenditore, egoista, figlio/a di puttana.

sciacalli

Agli sciacalli fotte di riuscire a raggiungere i propri obiettivi, senza curarsi del bene degli altri.

Arraffano quello che c’è da arraffare, scarnificano quello che c’è da scarnificare e lasciano il cadavere del povero malcapitato lí dove è avvenuto il massacro.

Dopo una mangiata, lo sciacallo è sazio e felice. Gli unici animali con cui riesce a stabilire relazioni sono altri sciacalli. Tra sciacalli vince il piú forte. Che comanda usa gli altri per mangiare sempre di piú.

I versi degli sciacalli:
1. “Lo dicono tutti che sono bravo/a”; tipica dello sciacallo che calpesta chiunque si trovi nel suo percorso per fare scalata sociale.

2. “ne ero convinta che potesse andare bene!!!”; tipica dello sciacallo che ruba una tua idea e poi dice che è sua e ci fa dei gran soldoni.

3. “Sí, anche io avevo pensato una cosa simile”; tipica di uno sciacallo privo di idee, ma che ha appena sentito una cosa potenzialmente utile uscire dalla tua bocca.

4. “Io ho qualche contatto nella stampa”; tipico degli sciacalli senza scrupoli.

Poi ci sono gli sciacalli che diventano capi troppo presto, che ti puniscono se critichi costruttivamente. Che ti dicono di tenerti libero per un bel periodo perché sicuramente lavorerai con loro e poi  ti lasciano a casa senza spiegazione, senza un messaggio, senza niente. Perchè devono prima piazzare i loro amici e i loro conoscenti. Riescono solo a sminuirti come essere umano, invece di gratificarti per il lavoro che hai compiuto.

Poi ci sono gli sciacalli che corrono ai fondi europei, che agiscono in coordinazione con gli sciacalli governativi e regionali.

Una caratteristica accomuna questi tipi di sciacalli: sono Italiani. E poi non dobbiamo farci stereotipare…

Poi, per fortuna, ci sono i bipedi belli. Tanto belli. Meno male che ci sono.